More stories

  • in

    Katy Perry poteva essere la voce di “Titanium” di David Guetta, ma ecco perché l’ha lasciata a Sia

    30 July 2020 “Titanium” di David Guetta è ormai una delle hit dance più celebri di sempre, di quelle che ti fanno venire subito voglia di ballare e di cantare a squarciagola. 
    È uscita nel 2011 e ha contribuito alla fama internazionale di Sia, che nel brano si occupa della parte cantata e che all’epoca non aveva la notorietà popolare di oggi. Lavorava nella musica già da diverso tempo ma i suoi singoli che l’hanno lanciata nell’olimpo delle star, “Chandelier” e “Elastic Heart”, sono arrivati nel 2014.
    In stile Sliding Doors, adesso Katy Perry ha raccontato che le cose potevano andare in modo molto diverso: sì, perché le era stato offerto di essere lei la voce di “Titanium”!

    via GIPHY
    L’artista conosceva già Sia dalla sua collaborazione con il duo britannico Zero 7: “C’era Sia, dagli Zero 7, che già faceva musica cool ed era lei sulla demo della canzone – ha ricordato parlando in un’intervista con il dj David Guetta – Mi ricordo che me l’hai mandato e che l’ho ascoltato su un aereo”.
    “Mi sono detta: ‘Oh mio Dio, questa canzone è così buona. Chi è la persona in questa registrazione? Dovrebbe restare nella registrazione. Questa è una hit: non mettete me, tenete Sia! Io ero già una grande fan degli Zero 7 quindi ti ho risposto con una mail dicendo: ‘Sei pazzo, io non ho bisogno di essere in questo brano. Tieni Sia’. Ed ecco qui Titanium”.
    Schiaccia play qui sotto per riascoltare “Titanium”:

    Di casi come questo, ovvero di canzoni che erano state proposte a degli artisti ma poi sono state cantante da altri, ce ne sono diversi: uno ad esempio è quello di Justin Bieber a cui era stata offerta “For You” poi eseguita da Rita Ora e Liam Payne!
    ph: getty images LEGGI TUTTO