in

Israele vs Iran: il nuovo fronte di guerra è il cyberspazio

Immaginate la vostra sorpresa quando, aprendo il rubinetto, non uscisse più l’acqua. O se la quantità di cloro la rendesse inutilizzabile per lavarsi o cucinare. Ma era proprio questo l’obbiettivo degli hacker iraniani che il 24 e 25 aprile hanno preso di mira il sistema idrico rurale dello stato di Israele. Causando la risposta di Gerusalemme, che si sarebbe concretizzata nell’attacco a un porto iraniano sullo stretto di Hormuz confermato dalla stessa autorità portuale. La notizia del contrattacco, circolata nella community dell’intelligence internazionale ha avuto una conferma da fonti governative americane, citate dal Washington PostSicurezza


Fonte: http://www.repubblica.it/rss/tecnologia/rss2.0.xml

Migranti, nel 2019 meno riconoscimenti e protezione per i rifugiati

Condé Nast presenta la prima valutazione globale sulle emissioni di carbonio e lancia il glossario della moda sostenibile