in

“Clicca qui e ti dico chi è contagiato”: così il malware che sfrutta il coronavirus attacca gli smartphone

Gira via sms o altri canali un messaggio contenente una promessa, che è in realtà una trappola. E recita: clicca qui per sapere se vicino a te ci sono persone contagiate dal coronavirus. Le parole possono cambiare – al momento il pericolo è stato avvistato dagli esperti di Kaspersky soprattutto in Spagna – ma la sostanza è la stessa. Con il clic, l’utente viene infettato dal malware Ginp Trojan e spinto su una pagina web chiamata Coronavirus Finder. Qui gli si chiede di inserire i propri dati di carta di credito per avere le informazioni promesse al solo costo di 75 centesimi.Il malware su smartphone che ruba i dati della carta di creditoNon avviene il pagamento, ma i criminali rubano i dati della carta così come la password di autorizzazione che dovesse arrivare via sms all’utente. E così possono sfruttare queste informazioni per sottrarre soldi alla vittima. Ginp può rubare anche altre password e dati personali che trova sul cellulare. La minaccia cyber, segnalata nelle scorse ore da Kaspersky, è una delle tante che stanno cercando in questo periodo di cavalcare le paure connesse all’epidemia. Questa però è particolarmente sofisticata. Sfrutta gli sms anche per inviarsi ad altri contatti della rubrica dello smartphone che ha infettato. Potremmo quindi ricevere un sms da un amico, che ci invita a cliccare su un link con quella promessa. Dopo essersi installato sullo smartphone, può fare apparire la finestra di pagamento anche all’interno del Play Store di Google, come un pop-up. Al momento sembra colpire solo gli smartphone Android. Gli iPhone sarebbero quindi protetti. 


Fonte: http://www.repubblica.it/rss/tecnologia/rss2.0.xml


Tagcloud:

Camila Cabello: “Con il cuore spezzato vi dico che devo posticipare il tour”

Coronavirus: contagiati, guariti, tamponi, decessi. Come si leggono i dati della Protezione Civile