in

Treni al 100% dei posti, Speranza firma ordinanza sull'obbligo di distanziamento

Il ministro della Salute ribadisce le regole di sicurezza anche sui mezzi pubblici: “Distanza di almeno un metro e mascherine sono i due principi essenziali che dobbiamo conservare”, ha spiegato. Il Cts aveva espresso preoccupazione per la scelta di consentire ai treni a lunga percorrenza di viaggiare a pieno carico

Dopo i dubbi e le polemiche, il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato un’ordinanza che ribadisce l’obbligo del distanziamento di almeno un metro e delle mascherine anche sui treni a lunga percorrenza (Frecciargento e Frecciarossa di Trenitalia e Italo), che da ieri, 31 luglio, sono tornati a viaggiare riempiendo il 100% dei posti. “È giusto che sui treni restino in vigore le regole di sicurezza applicate finora”, ha spiegato Speranza. “Non possiamo permetterci di abbassare il livello di attenzione e cautela” (CORONAVIRUS, AGGIORNAMENTI IN DIRETTA – LO SPECIALE).

Speranza: “Distanziamento e mascherine principi essenziali”

Treni Av viaggiano al 100% dei posti. Cts: “Molto preoccupati”

Il ministro della Salute ha spiegato: “Ho firmato una nuova ordinanza che ribadisce che in tutti i luoghi chiusi aperti al pubblico, compresi i mezzi di trasporto, è e resta obbligatorio sia il distanziamento di almeno un metro che l’obbligo delle mascherine”.  Poi Speranza ha sottolineato:”Questi sono i due principi essenziali che, assieme al lavaggio frequente delle mani, dobbiamo conservare nella fase di convivenza con il virus”.

Le condizioni per viaggiare al 100% e la contrarietà del Cts

Il ritorno del “pieno carico” sui treni era stato previsto sulla base delle condizioni poste dal Dpcm del 14 luglio. Il provvedimento disponeva, tra queste, la misurazione della temperature prima del viaggio; l’autodichiarazione dei passeggeri che certifica di non aver avuto contatti con persone contagiate dal Covid; l’obbligo della mascherina con la sostituzione dopo 4 ore. La situazione comunque, potrebbe cambiare alla luce delle nuovi indicazioni che verranno pubblicate nell’ultimo Dpcm. Sulla scelta di tornare alla disponibilità del 100% dei posti, fonti del Comitato tecnico-scientifico hanno fatto trapelare la propria contrarietà, che verrà probabilmente espressa in un incontro in settimana con il ministero dei Trasporti.

Palermo, elettricità a sbafo al ristorante “Bye bye blues”: condannata la titolare

Zingaretti: “Ci sono scellerati senza mascherina”. Salvini: “Non ho tempo da perdere”