in

Lampedusa, tensione nell'isola frontiera tra l'hotspot sovraffollato, migranti in cerca di cibo e paura del Covid

LAMPEDUSA – Sarà anche vero che “abbiamo sei cuochi in servizio a tempo pieno” nell’hotspot al centro dell’isola di Lampedusa – come racconta il presidente della cooperativa trevigiana Nova Facility che ha vinto l’appalto per la gestione del centro, Gian Lorenzo Marinese – ma i suoi ospiti hanno decisamente fame. Ogni mattina decine di loro saltano la recinzione sul retro della struttura, si infilano nei campi delle proprietà private, raggiungono lo sterrato e da lì giù per la strada che conduce al centro: una passeggiata di un quarto d’ora lungo cui, ogni mattina e non solo, il via vai è continuo. Scendono in gruppetti, risalgono mezzora dopo con le borse cariche di spesa: michette di pane, scatolette, acqua…


Fonte: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml


Tagcloud:

Coronavirus, il bollettino di oggi 31 luglio: 379 contagi, 9 morti e 178 guariti. Rt sotto 1 ma casi in aumento

Regione Calabria, crolla il tetto dell'auditorium Calipari