in

Istat, 116 mila italiani in meno. Poche nascite, è il “ricambio naturale” più basso in oltre un secolo

ROMA – Gli italiani continuano a diminuire: al primo gennaio di quest’anno i residenti ammontano a 60 milioni 317 mila, 116 mila in meno rispetto allo scorso anno. Il calo è dovuto sostanzialmente al Mezzogiorno e al Centro, mentre nel Nord Italia crescono con un buon ritmo Bolzano (5 per mille), Trento (3,6 per mille), la Lombardia e l’Emilia Romagna. Tra le Regioni del Centro quella con il tasso inferiore di perdita è la Toscana. A determinare il calo della popolazione sono le nascite, decisamente inferiori ai decessi: sono 435 mila contro 647 mila. Si tratta, sottolinea l’Istat, “del più basso livello di ricambio naturale mai espresso dal Paese dal 1918”. La differenza è infatti di 212 mila unità: per ogni 100 persone che muoiono in Italia dunque ne nascono solo 67, dieci anni fa erano 96. L’età media degli italiani si alza a 45,7 anni.RepSe non affronta la crisi demografica, il destino dell’Europa è la decrescita


Fonte: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml

Gregoretti: verso odg Fi-Fdi per il voto

Salvatore Nicitra, l'eterno ritorno del boss siciliano – l'analisi