in

Droga, l'allarme di Don Ciotti: “I ragazzi cominciano a 14 anni, noi non li capiamo”

ROMA “In Italia c’è una strage di giovanissimi che arricchisce i trafficanti di stupefacenti. Avevano tutte 16 anni, Alice trovata senza vita nel bagno della stazione di Udine, Carmela in una casa popolare del Catanese, Desirée morta dopo aver assunto sostanze ed essere stata violentata in uno stabile degradato di San Lorenzo a Roma”. Don Luigi Ciotti nel suo libro Droghe, storie che ci riguardano, fotografa un’Italia che cambia. Dove l’età del primo incontro con hashish o cocaina, oppio o amfetamine è in media a 14 anni, tra gli europei gli adolescenti italiani sono tra i primi posti per consumo di droghe legali e illegali. E dove il numero dei morti da tre anni ha ricominciato a salire, 334 nel 2018, e ci sono più tossicodipendenti in carcere che in comunità.

Tutto questo accade mentre i nostri governi fanno “la politica dello struzzo tra cecità e demagogia, hanno approvato leggi proibizioniste invece di capire le differenze tra le varie sostanze e i motivi per cui i ragazzi le usano. Perché in quel modo cercano di riempire il vuoto di senso, di relazioni, di opportunità. Così il no alla droga è solo per campagne elettorali”, dice il fondatore di Libera e del Gruppo Abele, da 50 anni in trincea. Che nelle pagine ricche di dati e statistiche, analizza un’Italia dove diminuiscono gli operatori dei Serd, dove i nuovi policonsumatori restano sconosciuti ai servizi, in una presunta normalità quotidiana così facile da ignorare. Tanto che solo 11 mila su 130 mila pazienti avevano tra i 15 e 24 anni nel 2018, mentre i dati dell’ultimo studio europeo parlavano di 800 mila adolescenti che avevano consumato droghe nell’ultimo anno, 400 mila nell’ultimo mese di cui quasi 100 mila cocaina. E nel libro sono gli stessi nuovi consumatori a raccontare le loro storie.

Droga, l'allarme di Don Ciotti: "I ragazzi cominciano a 14 anni, noi non li capiamo" La copertina del libro “Droga, storie che ci riguardano”, di Don Luigi Ciotti


Fonte: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml


Tagcloud:

Morgan e Bugo, boom di meme per il testo modificato di “Sincero”. Da Sanremo fino a San Valentino

Caso Zaky, la madre di Regeni: “Vergogna per chi entra nei palazzi e cambia”