in

Coronavirus, in Puglia la strage dei cinquantenni: tre vittime in un giorno

Un professore del Gargano, un medico di Torremaggiore e un perito agrario di Carovigno. Avevano tra i 54 e i 59 anni e tutti e tre sono morti per Coronavirus. Mentre in Puglia l’epidemia avanza piano, le vittime non sono più solo gli anziani.

Un medico di San Severo di 59 anni, Antonio Maghernino, in servizio a Torremaggiore è morto all’ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo dove era ricoverato nel reparto di rianimazione. Il medico è risultato positivo al Covid 19. La notizia è stata confermata dal sindaco di San Severo, Francesco Miglio. La notizia del decesso del medico, molto noto in provincia di Foggia, ha causato un profondo dolore tra chi lo conosceva.

Nello stesso ospedale era morto qualche ora prima il docente di San Nicandro Garganico (Foggia) risultato positivo al Coronavirus. Ne dà conferma il primo cittadino del comune Garganico, Costantino Ciavarella. L’uomo di 54 anni era ricoverato dallo scorso 2 marzo e – a quanto si apprende – era affetto da patologie pregresse.

Nel Brindisino, a Carovigno, altro lutto. Raffaele de Giovanni, 54 anni,  è morto dopo avere contratto il virus. Ha trascorso gli ultimi anni della sua vita battendosi contro la diffusione della xylella. L’uomo, un perito agrario, sposato e padre di due figli, all’inizio di marzo aveva accusato disturbi simili a quelli influenzali, il 15 marzo le sue condizioni si sono aggravate ed e stato ricoverato nel reparto di Rianimazione del Perrino di Brindisi dove e’ morto. 


Fonte: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml


Tagcloud:

Salvini, grazie Draghi, suo aiuto serve

Coronavirus, Renzi: commissione d'inchiesta dopo l'estate. VIDEO