in

Cervelli di ritorno in Italia, la metà è già ripartita per l'estero

ROMA – I cervelli che hanno riassaporato il rientro in Italia stanno ripartendo. Settemila (e trentatré) su quattordicimila, tornati negli ultimi otto anni in università ed enti di ricerca nazionali, alle professioni private altamente qualificate – grazie alle agevolazioni fiscali che si sono succedute dal 2010 -, ora hanno scelto di riapprodare in un ateneo nordeuropeo, un laboratorio londinese, una multinazionale con sede lontana sia da Roma che da Milano. Un report costruito dal Gruppo Controesodo racconta come dal 2011 al 2017, seguendo i dati dell’Agenzia delle Entrate, ogni anno sono rientrati in Italia duemila top workers in media, di cui una parte (residuale) professori e ricercatori pubblici. Sono, questi, soggetti “con requisiti di elevata specializzazione, in possesso di un titolo di laurea e hanno maturato un’esperienza lavorativa estera almeno biennale o hanno conseguito un titolo di studio di livello accademico all’estero”. Già dal 2012, seguendo la tabella offerta, di questa corte di duemila rientranti ne sono usciti cinquecento, nel 2013 sono stati 875 i ripartiti e, stagione dopo stagione, 1.156, 1.367, 1.525 fino al 2017 quando il numero di coloro che hanno lasciato per la seconda volta l’Italia quasi ha pareggiato i nuovi rientri: 1.610 (sempre contro duemila arrivi). In sette stagioni si possono stimare quattordicimila cervelli italiani riaccasati e poco più di settemila ripartiti, il 50,23 per cento. Metà ha riassaggiato il nostro Paese ed è tornato all’estero. L’imbuto delle agevolazioni fiscaliLa “seconda fuga” è dettata da tre ordini di motivi. Un’offerta di lavoro irrinunciabile, per esempio, per professionisti abituati per biografia all’internazionalizzazione. Ancora, una nostalgia per le buone pratiche scoperte nel resto d’Europa. Secondo il Gruppo Controesodo molti, però, sono stati spinti nuovamente via dall’impossibilità di accedere alle agevolazioni fiscali che i vari decreti hanno introdotto, a volte contraddicendosi, altre volte costringendo laureati e ricercatori a pagare le differenze previste tra una legge e la successiva (questa battaglia, tuttavia, gli “impatriati”, si chiamano così, l’hanno vinta contro l’Agenzia delle entrate). Il decreto legge dello scorso aprile – Governo Lega-M5S – in prima istanza aveva incrementato al 70 per cento (prima era al 50) il reddito esente per i “rientranti”. Per chi tornava in una regione del Sud si arrivava al 90 per cento. Il Decreto crescita aveva quindi vincolato il premio a un “radicamento permanente”: mantenimento della residenza fiscale in Italia per almeno tre anni e allungamento della defiscalizzazione a cinque stagioni. Benefici anche superiori erano previsti per docenti e ricercatori. “Il problema”, sostiene ora Controesodo, affiancato dagli studiosi rientrati in Italia grazie al Programma Rita Levi Montalcini, “è che ci sono ulteriori regole di retention, trattenimento, che riguardano l’acquisto di un immobile sul suolo italiano o la generazione di figli. In questi casi si può godere di un ulteriore sconto da otto a tredici anni, ma l’ultimo beneficio è reso accessibile solo ai lavoratori che rientrano a partire dal 2020″. Ci sono almeno tre coorti generazionali, i rientrati dal 2017 al 2019, fuori dai benefici extra. “La perdita di gettito per ogni soggetto che decide di non restare in Italia al termine del periodo agevolato corrisponde al 100 per cento mentre la minore tassazione dei soggetti che sarebbero spontaneamente rimasti corrisponde al 50 per cento”. Lo Stato, con l’indifferenza per i migranti intellettuali di ritorno, ci rimette metà incasso. Una perdita di gettito di 280 milioniIl reddito medio dei lavoratori altamente qualificati è alto, dice il ministero delle Finanze: 102 mila euro lordi nell’anno fiscale 2017. La tabella realizzata dall’associazione stima una perdita di gettito per lo Stato pari a 194 milioni di euro di fronte a una “seconda fuga” realizzata tra il 2021 e il 2025. Altri 16,5 milioni di euro non entrerebbero se le extra agevolazioni non fossero applicate alla platea pre-2020. La perdita si può stimare, ora, in 210,5 milioni. C’è da segnalare che le legge per gli impatriati può riguardare – oltre a calciatori vip, tra cui Mario Balotelli – un’aliquota di ricercatori: 1.624 secondo una stima del 2017. Perdendo questi, la perdita di gettito Irpef sarebbe pari a 70,5 milioni totali. Siamo intorno a un meno 280 negli introiti totali di Stato.Commento


Fonte: http://www.repubblica.it/rss/scuola_e_universita/rss2.0.xml


Tagcloud:

Palermo, trent'anni senza Sciascia: un incontro per parlare di un'assenza

Cittadinanza, l'appello dei nuovi italiani: “Tutti in piazza per la riforma”