Variazione zero per il Ftse Mib 

Come è capitato varie volte in questi giorni, la Borsa di Milano ha concluso la giornata di contrattazioni con gli indici quasi invariati (All Share -0,04% a 23.713 punti e Ftse Mib perfettamente immobile a 21.671). Sullo sfondo resta l’incertezza degli investitori sul futuro della crescita globale e sulle tensioni sul fronte commerciale mentre la Banca centrale europea ha lasciato i tassi invariati e il Fondo monetario torna a invitare l’Italia a ridurre il debito.

Poco mosso anche lo spread tra Btp e Bund, ma alcune azioni bancarie e assicurative hanno ceduto terreno, dopo che la Bce non ha dato indicazioni concrete su una futura asta di finanziamenti Tltro: giù Unipol (-1,46%), Unicredit (-0,92%) , Mps (-0,87%), Intesa Sanpaolo (-0,67%). In luce invece Bper (+0,72%), Mediobanca (+0,32%) e Generali (+0,21%).

Nell’industria arretrano Cnh (-1,62%) e Exor (-0,74%) ma fanno bene Fca (+0,43%) e Ferrari (+0,37%) oltre a Leonardo (-0,54%); ; debole Prysmian (-0,1%) dopo il blocco momentaneo dell’elettrodotto Western Link tra Scozia e Galles, mentre è fra i titoli migliori di giornata nel listino principale Pirelli (+1,13%). E meglio di tutti fa Campari (+1,75%). Fra i segni meno Telecom Italia (-0,58%).

Positivi gli energetici principali con Eni +0,33% e Enel +0,28%, meglio ancora Italgas (+1,15%) e Hera (+0,99%). In evidenza il titolo Juventus Fc (+0,63%) in attesa della partita di andata dei quarti di finale di Champions League contro l’Ajax.


Fonte: http://www.lastampa.it/economia

Potrebbero interessarti

Lascia una risposta