in

Tv, il digitale terrestre cambia pelle. Dimezzate le reti in mano agli editori

ROMA – La televisione italiana sta per cambiare pelle. Entro tre anni, tutti i canali e tutti i programmi saranno irradiati con una nuova tecnologia (che si chiama DVBT-2). Questa tecnologia permetterà di comprimere le trasmissioni tv. La compressione delle trasmissioni e del segnale permetterà alle emittenti (Rai, Mediaset e le altre) di proporre gli stessi canali di oggi su un numero molto più basso di frequenze. Ogni editore, quindi, avrà bisogno di binari dell’etere (le frequenze) addirittura dimezzati rispetto ad oggi.

In vista del cambio tecnologico, in queste ore il ministero dello Sviluppo Economico ha riscritto la mappa delle reti assegnate alle varie emittenti dando corpo a una vera e propria cura dimagrante. Chi ha oggi 5 reti (ad esempio Rai e Mediaset) ne avrà due e mezza, nella stagione nuova del DVTB-2.

E così i giganti Rai, Mediaset (con Elettronica Industriale) e Persidera – che oggi hanno appunto 5 reti – se ne ritrovano due e mezza a testa. 


Fonte: http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml


Tagcloud:

Nuove tensioni tra Usa e Cina, Borse in lieve rialzo

Dl clima, bonus rottamazione esteso anche per i motorini