Fca, Elkann assicura l'impegno della famiglia: “Forti e in salute, giocheremo il nostro ruolo”

MILANO – John Elkann rilancia in Fiat Chrysler, dopo le recenti voci di con altre case automobilistiche che avrebbero a detta di alcuni sotteso un potenziale disimpegno. “Con il suo sostegno, la mia famiglia ha accompagnato l’evoluzione di questa società negli ultimi 120 anni: ci siamo stati nei momenti belli e in quelli più difficili. Continueremo a farlo, tanto più oggi che entriamo in una nuova ed entusiasmante fase di sviluppo per l’industria dell’auto”, ha detto il presidente di Fca durante l’assemblea degli azionisti ad Amsterdam.

Secondo Elkann, “Fca non è mai stata più forte e così in salute come oggi. Il suo bilancio ci consente di fare gli investimenti opportuni e al contempo di remunerare i nostri azionisti con dividendi”, ha detto in riferimento al ritorno alla cedola da 0,65 euro per azione a seguito di utili netti per 3,6 miliardi nel 2018: 1 miliardo di impegno complessivo dopo un decennio di ‘digiuno’ per gli azionisti. Oltre al quale, poi, gli analisti si attendevano indicazioni circa il dividendo straordinario legato alla cessione di Marelli.

Novità in tal senso sono arrivate. Quella di oggi doveva dovuto essere l’assemblea del ‘cambio della guardia’, in cui Sergio Marchionne avrebbe passato il testimone al nuovo amministratore delegato. La scomparsa del manager italo-canadese ha però portato ad anticipare i tempi, con la nomina di Mike Manley avvenuta la scorsa estate. E proprio Manley quindi si è trovato per la prima volta a esporre i risultati di bilancio, assicurando: “Sono fiducioso che riusciremo a raggiungere con successo gli obiettivi dell’anno”. L’ad ha specificato che la vendita di Magneti Marelli si chiuderà “entro questo trimestre”, che il controvalore dell’operazione è di circa 6 miliardi di euro e permetterà un dividendo straordinario di 2 miliardi. Parole che, insieme al rinnovato impegno di Elkann, hanno generato acquisti in Borsa ().

Elkann ha rilanciato il ruolo di Fca: “Siamo pronti a giocare il nostro ruolo in questa nuova ed entusiasmante era dell’industria dell’auto”, ha detto. “Come in passato, siamo preparati a prendere decisioni e ad agire con coraggio e creatività, per costruire un futuro solido e ricco di opportunità per Fca”. Quanto all’andamento degli affari, “nonostante la seconda parte del 2018, con le difficoltà dovute alla guerra commerciale che si sono protratte nel 2019, prevediamo un significativo miglioramento nel secondo semestre”.


Fonte: http://www.repubblica.it/economia

Potrebbero interessarti

Lascia una risposta