in

Atlantia, troppe incertezze sulle autostrade: salta l'acconto del dividendo

MILANO – Atlantia ha deciso di “non procedere alla distribuzione dell’acconto sui dividendi per l’esercizio 2019”. A comunicarlo, dopo la riunione del cda, il gruppo stesso che spiega come la scelta sia stata presa “in relazione al permanere di una situazione di incertezza in merito ad Autostrade per l’Italia”.

La holding della famiglia Benetton, che controlla Autostrade per l’Italia concessionaria del Ponte Morandi, ha chiuso i primi 9 mesi dell’anno con un utile del periodo di pertinenza del Gruppo pari a 1,312 miliardi (+79%), in aumento di 579 milioni rispetto ai primi nove mesi del 2018 (che risentivano dell’accantonamento degli oneri conseguenti il crollo del ponte di Genova), un margine operativo lordo (Ebitda) pari a 5,698 miliardi, in aumento dell’1% su base omogenea pro-forma e ricavi operativi pari a 8,820 miliardi in aumento del 4% (variazione su base omogenea pro-forma). Secondo la nota diffusa al termine del cda che ha approvato i risultati al 30 settembre, l’utile non risente degli impatti economici conseguenti alla applicazione definitiva della ‘Purchase Price  Allocation’ dell’acquisizione del Gruppo Abertis, che saranno recepiti nel bilancio 2019. Gli investimenti operativi sono complessivamente pari a 1,220 miliardi.

Per quanto riguarda i ricavi, in particolare i ricavi da pedaggio sono pari a 7,049 miliardi, con un incremento di 3,820 miliardi; quelli per servizi aeronautici sono pari a 637 milioni e non presentano variazioni rispetto ai primi 9 mesi del 2018. L’indebitamento finanziario netto al 30 settembre 2019 è pari a 38.057 milioni di euro (37.931 milioni di euro al 31 dicembre 2018) che non include i proventi derivanti dalla cessione della quota detenuta in Hispasat per 933 milioni di euro, perfezionata il 3 ottobre 2019.

Il traffico sulla rete autostradale del Gruppo Atlantia è cresciuto nei primi nove mesi dell’anno dello 0,5% in Italia, del 4,7% in Spagna, ha segnato un calo dello 0,2% in Francia. Fuori dall’Europa si è registrata una crescita del 4,1% in Cile e del 4,2% in Brasile. Per l’intero 2019, la stima è che sia un anno “positivo” anche grazie al contributo di Abertis.


Fonte: http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml


Tagcloud:

Fiammetta Cicogna mamma: ecco tutti i segreti del suo post gravidanza

Parallelozero lancia l’Italian sustainability photo award con Pimco main sponsor