in

Muore ex campione italiano di pesca in apnea, fatale l’ultima immersione 

L’acqua era davvero il suo mondo. E se avesse potuto scegliere, dicono i colleghi addolorati, Bruno De Silvestri avrebbe scelto di morire negli abissi. È andata proprio così, ma troppo presto e in modo tragico. Tutto è successo oggi, nelle acque di Porto Corallo, nella costa di Villaputzu, nella zona a sud-est della Sardegna. Bruno De Silvestri era un vigile del fuoco, faceva il caposquadra al nucleo sommozzatori del provinciale di Cagliari, ed era famoso per essere stato il campione Italiano di pesca in apnea. Primo titolo conquistato nel 2002 e poi di nuovo altre quattro volte fino al 2012, al culmine di una carriera sportiva straordinaria anche con la maglia della nazionale.

Insieme a un amico, poco dopo le 10 del mattino, Bruno De Silvestri era andato al largo per una delle prime battute di pesca della stagione. Insieme erano arrivati in un fondale di quasi 50 metri, ma dopo alcune ore è scattato l’allarme. Tra i due, De Silvestri era certamente il più esperto ma probabilmente è stato tradito da un malore. Appena si è reso conto che non tornava a galla l’amico ha deciso di mettersi al sicuro e di chiamare i soccorsi. Il compito di ricercare il corpo del sub scomparso è toccato proprio ai vigili del fuoco di Cagliari e nel giro di qualche ora si è capito che quella di Porto Corallo era stata una battuta di pesca tragica.

«Dopo gli studi al nautico aveva iniziato la sua carriera come palombaro della Marina militare – ricordano i colleghi del comando provinciale – Da oltre vent’anni era entrato a far parte del Nucleo sommozzatori dei Vigili del fuoco. Bruno era conosciuto come una persona umile e splendida, con grandissime doti umane e professionali. Un uomo sempre pronto ad aiutare gli altri». E giusto qualche anno fa aveva sfidato il mare per salvare la vita a un ragazzo che aveva deciso di suicidarsi lanciandosi in acqua con la macchina: Bruno De Silvestri si era tuffato, aveva aperto lo sportello ed evitato la tragedia.


Fonte: http://www.lastampa.it/italia/cronache


Tagcloud:

Zingaretti, con Brianda Sassari tutelata

Migranti, Sea Watch soccorre 53 persone al largo della Libia. Salvini: “Come scafisti”