in

Ddl anti-corruzione in Cdm. Salvini su daspo a corrotti: 'Attenzione a processi sommari'

Il Consiglio dei ministri è convocato per giovedì 6 settembre 2018 alle ore 16,00 a Palazzo Chigi per l’esame del seguente ordine del giorno: DISEGNO DI LEGGE: Misure per il contrasto dei reati contro la pubblica amministrazione (GIUSTIZIA). Lo rende noto un comunicato di palazzo Chigi.

Ieri il vice premier Luigi Di Maio è sceso in campo a sostegno del provvedimento del Guardasigilli Alfonso Bonafede e su Facebook ha lanciato l’hashtag “Legge SpazzaCorrotti!” e pubblicato una lettera-avvertimento: “Cari corrotti, cari corruttori, non avrete più scampo”.

Il provvedimento è, di fatto, la prima, importante disposizione governativa firmata M5S e ora dovrà passare l’esame del Consiglio dei ministri.

Al ministero i tecnici stanno limando il testo e lavorano anche sulle eventuali misure premiali per chi collabora. Il ddl è sicuramente molto strutturato sul piano repressivo. Ma per i magistrati è fondamentale la collaborazione di chi si “pente”. La bozza del testo circolata contiene però degli interventi in questa direzione, prevedendo la non punibilità per chi prima di essere indagato o entro 3 mesi da quando ha commesso il fatto, lo denuncia spontaneamente e fornisce indicazioni utili alle indagini. Non solo: il pubblico ufficiale deve mettere a disposizione l’utilità o il denaro percepiti.

Intanto sul daspo a vita per corrotti, previsto dal ddl, oggi interviene Matteo salvini: “stiamo leggendo e rileggendo il testo: la lotta senza quartiere alla corruzione è una priorità, come quella alle mafie, e contro le mafie nel pacchetto sicurezza a cui sto lavorando ci sarà una stretta. Ma bisogna stare attenti a garantire che fino al terzo grado di giudizio si è innocenti, processi sommari non sono da paese civile. Ma chi corrompe deve pagare”.


Fonte: http://www.ansa.it/sito/notizie/politica/politica.shtml

Carfagna, c.destra non può stare con M5s

Piemonte, i 5 Stelle sollecitano il “loro” ministro Toninelli: “Meno parole e più fatti, bloccate la Torino-Lione”