Il piacere della slow art a Milano: Caravaggio tagliato su misura 

Da turisti a viaggiatori del Grand Tour, da maratoneti della visita al museo «4 piani 4 secoli e 400 opere in 40 minuti» a visitatori di un’opera sola. Quel che è successo col cibo sta accadendo all’arte, il fast è una calamità a volte necessaria, lo slow è un lusso da concedersi più spesso. È nato così un nuovo «format» di visita guidata per chi desidera davvero «gustarsi» un capolavoro senza sgomitare per avvicinarsi o doverne sentire la storia scomodamente in piedi con giacca e zaino in ma… continua


Fonte: http://www.lastampa.it/cultura/arte

Potrebbero interessarti

I commenti sono chiusi.