Abbracci, lacrime e palloncini: a Fiumicino arrivano altri 69 migranti con i corridoi umanitari

C’è Naief, fuggito da Homs e da quasi due anni in Italia ed ora integrato ad Avezzano dove lavora come tappezziere, che riabbraccia dopo tanto tempo, porgendole una rosa ed un palloncino a forma di cuore, la sua fidanzata, Nesserin. Ed ancora: i due fratelli e la sorella, originari di Damasco, che finalmente possono riabbracciare la mamma di 39 anni e la sorella. Tutti si sciolgono in lacrime e sorrisi. E per loro scattano gli applausi.Cronaca

Potrebbero interessarti

Lascia una risposta